Agape e il Progetto “Ritornare a casa”

Agape fornisce consulenza e gestione del Servizio di Assistenza Domiciliare nell’ambito del Progetto Regionale “Ritornare a casa”

Che cos’è?
Il progetto “Ritornare a casa” è un finanziamento erogato dalla Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale, secondo le disposizioni dell’art. 17 della L.R. 11 maggio 2006, n° 4.
Il Progetto “Ritornare a casa”, ha l’obiettivo di favorire sia la permanenza nel proprio domicilio di persone a grave rischio di istituzionalizzazione che il rientro a casa e in famiglia (o comunque in un ambiente di vita familiare) di persone con disabilità fisica o psichica grave.

Oltre a promuovere la domiciliarità dell’intervento, l’obiettivo del programma è anche quello di sostenere la famiglia sulla quale grava il carico assistenziale attraverso l’organizzazione della rete dei servizi e il sostegno al familiare di riferimento. Con questo programma i Comuni e la Regione finanziano dei progetti personalizzati, che assicurano al disabile le cure adeguate senza dover lasciare la propria casa, migliorando la qualità della vita e aiutando le loro famiglie con l’organizzazione di una rete di servizi a domicilio. Un punto essenziale del programma è proprio la condivisione del progetto personalizzato con la famiglia, per garantire una partecipazione consapevole e informata, essenziale per la continuità e la riuscita del percorso assistenziale.

A chi è rivolto?
Il Progetto è rivolto a persone che necessitano di un livello assistenziale molto elevato e che siano attualmente inserite o a forte rischio di ricovero in strutture residenziali a carattere sociale e/o sanitario, come anziani non autosufficienti o a grave rischio di perdita della autosufficienza, persone con disabilità psichiche o fisiche, persone con disturbo mentale, che esprimono il desiderio e sono nelle condizioni, con il supporto di adeguati servizi sociosanitari, di ritornare nella propria famiglia.

Come presentare il progetto?
La persona non autosufficiente o a grave rischio di perdita della autosufficienza che desidera ed è in condizioni, con il supporto di adeguati servizi sociosanitari, di ritornare/permanere nella propria famiglia o in un ambiente di vita di tipo familiare, può inoltrare, direttamente o attraverso un familiare di riferimento, domanda di predisposizione di un progetto personalizzato. La domanda è inoltrata al Comune di residenza direttamente o tramite il punto unico di accesso del proprio distretto sanitario, accompagnata dalla specifica certificazione medica. Il Comune ne da comunicazione all’Azienda sanitaria locale di appartenenza e alla Regione (Assessorato dell’Igiene e Sanità e dell’Assistenza Sociale della Regione Sardegna, Direzione generale delle Politiche Sociali).
Quando fare la richiesta?
Il progetto può essere presentato in qualunque periodo dell’anno.

Agape e il Progetto “Ritornare a casa”
La cooperativa Agape supporta le famiglie e gli utenti che vogliono usufruire del Programma Ritornare a Casa in tutte le fasi. Lo sportello “Informa Diritti” fornisce consulenza gratuita rispetto a modalità di attuazione del progetto, destinatari, documentazione da presentare, l’ufficio al quale rivolgersi e qualsiasi altra informazione di cui l’utenza ha necessità. Attraverso il Servizio di Assistenza Domiciliare ed Educativo Agape accompagna la famiglia nella progettazione dell’intervento e nella parte più operativa del progetto, attraverso la scelta di operatori qualificati che si prenderanno cura dell’utente e seguiranno il piano personalizzato di attività condiviso con i familiari di riferimento. Agape sostiene la famiglia durante tutta la durata del progetto, attraverso un’attività costante di monitoraggio fondamentale per garantire il buon andamento del progetto.
Per informazioni: 070/2359757

0 Commenti su Agape e il Progetto “Ritornare a casa”

Lascia un commento

copyright©2015-Agape Cooperativa Sociale Onlus Cagliari • P.IVA/C.F.: 02840810929